MTB

Mountain bike: Il Cammino è percorribile anche in MTB con alcune varianti. Le tracce GPS specifiche per MTB sono disponibili gratuitamente su questo sito. La mappa ufficiale del cammino edita da Il Lupo in scala 1:25.000 riporta anche le varianti per MTB. Necessaria comunque una certa preparazione fisica e tecnica.

matteo maranello 2016
Riportiamo qui il feedback di alcuni bikers che lo ha percorso:


“Visto e provato il percorso, ecco alcuni suggerimenti:
– NON si tratta di un percorso per cicloturismo
– praticamente d’obbligo l’uso di una MTB biammortizzata (tipo all mountain), equipaggiata con ruote robuste e gomme larghe almeno 2.2 e viste le continue alternanza di salite e discese consiglio l’utilizzo di un reggi-sella telescopico
– passaggi stretti ed obbligati, discese tecniche e impegnative, impediscono l’uso di qualunque borsa da applicare alla MTB, pertanto il consiglio è quello di usare uno zaino con il minimo indispensabile
– il percorso presenta differenti tipologie di terreno, dalle sterrate sconnesse ed accidentate con solchi e piccoli gradini a tratti in asfalto, passando da sentieri con fondo compatto ma irregolare, fino ad arrivare a scorrevoli strade bianche, il che richiede una buona preparazione tecnica.
– consiglio che le tappe non presentino lunghezze eccessive (nel mio caso 20, 40 e 25 km) sono presenti alcune brevi salite con pendenze di oltre il 12% che rendono indicata una discreta preparazione atletica.
In prima lettura queste informazioni potrebbero risultare poco invitanti per chi volesse affrontare il Cammino in MTB, ma credo siano necessarie per aiutare i ciclisti nel prendere decisioni “informate”, e scegliere percorsi adatti alle loro capacità tecniche.
Ringraziandovi ancora per l’ospitalità, la disponibilità e la cordialità e augurandomi di tornare presto dalle vostre parti e visto le temperature vi mando un caloroso saluto  Matteo di Maranello

+++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

E-bikers, i numeri parlano di circa 72 km e più di 2400 mt di dislivello positivo nei due giorni, ma non dicono che fondo troviamo, che sentieri percorriamo e soprattutto che splendidi posti attraversiamo! Un giro NON per tutti. Decisamente in ambiente montano, senza sentieri troppo esposti, per chi ha una più che buona capacità di guida. Tassativo avere la bici in ordine, fortemente consigliato il reggisella telescopico, fortemente Sconsigliato invece con le front, decisamente buono avere un forcellino di ricambio appresso data la grande presenza di sassi anche in alcune delle strade bianche. Non è possibile percorrerlo con borse ingombranti applicate alla bici.
Tosto in due tappe, si fa molta ma molta fatica a chiudere, soprattutto la seconda giornata, con una sola batteria da 500 ah, anche avendo una discreta gamba, a causa del fondo molto sconnesso che si incontra in svariati tratti (fortemente consigliata una seconda batteria nello zaino). Tecnico, per chi non si fa scrupoli a scendere dalla bici anche in discesa, c’è a volte da spingere, da scendere in mezzo ai sassi o da pedalarci a tutta e rampichino, da smoccolare per gli zoccoli delle mucche che devastano alcuni tratti di sentiero, da sporcarsi con il fango e graffiarsi con qualche rovo, benedicendo i brevi tratti in asfalto per tirare il fiato, ma che giro! Da preparare, da non farci gli sbruffoni per finire e finire sani. Ma vale davvero lo sforzo!

Tappa intermedia a Nesce presso l’agriturismo Morelli, splendido casale restaurato con cucina a km 0. Una chicca!
Pietro (ho viaggiato con una full con motore Bosch cx performance)

+++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

Noi siamo partiti da Sante Marie con 2 bici front ed 1 full:

  • La MTB può essere equipaggiata con borse da manubrio o da sottosella, sconsigliate borse laterali (tipiche del cicloescursionismo) per via dell’ingombro
  • Il percorso è fattibile con MTB front, il sellino telescopico è utile perché il percorso è un continuo alternarsi di salite e discese e di cambi di terreno, come detto nelle precedenti recensioni
  • Il percorso è fattibile in 2 giorni (noi 47 km il primo giorno e 34 il secondo) ma consigliamo di farlo in 3 per godersi di più le soste e i paesi che si incontrano
  • Ci sono 3-4  tratti ripidi in salita da fare a spinta, consigliate quindi bici  non troppo pesanti
  • La parte tecnicamente più impegnativa è da Sante Marie fino a Rosciolo dei Marsi, da Rosciolo a Sante Marie è più scorrevole: da tenere ben presente nella suddivisione delle tappe.
  • Le due varianti per la MTB non sono indicate con segnaletica verticale, consigliamo di avere GPS e traccia scaricata

L’esperienza è stata emozionante e ringraziamo per l’enorme lavoro che fate, il percorso è segnato benissimo e permette di godere di paesaggi e boschi molto belli. Se non fosse stato per il Cammino forse non avremmo mai visitato i paesini meno conosciuti e noi siamo grandi sostenitori del turismo sostenibile (veniamo dai Monti Sibillini). Ci è dispiaciuto non poter visitare il Museo dei Briganti a Sante Marie e speriamo che possiate avere sempre più persone disponibili per la gestione del Cammino. Abbiamo alloggiato da Barbara a Rosciolo (b&b La Residenza) e per noi è stato importante che lei avesse una cantina per poter mettere le bici durante la notte, è un’informazione molto utile per i ciclisti.
Giulia, Riccardo e Mauro

++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

Ciao, come previsto e stante le veramente favorevoli condizioni meteo, abbiamo fatto il cammino in bici nel fine settimana 12- 13 settembre 2020. Abbiamo utilizzato 5 bici front, una biammortizzata ed una elettrica.
Come punto di appoggio a metà giro abbiamo utilizzato il B&B la residenza di Barbara a Roscio dei Marsi, bellissimo l’alloggio e cordialissimi i conduttori, mentre a Sante Marie, abbiamo alloggiato alle 3 cannelle. Tutti gentili e disponibili.
Ti allego anche le tracce del percorso che abbiamo seguito, sostanzialmente quello che mi hai inviato a parte qualche piccola deviazione per evitare tratti che sulla carta sembravano impercorribili per noi bikers dilettanti.
Posti affascinati, avete avuto una bellissima idea di organizzare questo percorso, bravi!
Licia e: Daniele, Danilo, Andrea, Manuela, Chiara ed Elena

Un percorso nel territorio, da fare anche in inverno (da Viagginbici.com)